Cosa Visitare a Milano Gratis

5 risposte all’interrogativo ” Cosa visitare a Milano Gratis

  1. Scegliere un parco per mangiare, far giocare i propri bambini e godere dell’arte delle Ville e delle Basiliche

  2. Non può mai mancare una passeggiata sui Navigli

  3. Scaramanzie e portafortuna sotto la Galleria Vittorio Emanuele

  4. Visitare Il Duomo di Milano conoscendo il mistero del Lago Sotterraneo

  5. Hai 18 anni? Entra gratis in molti Musei di Milano, gratis per tutti il Museo del Novecento

 

1. Cosa Visitare a Milano Gratis: Scegliere un parco per mangiare, far giocare i propri bambini e godere dell’arte delle Ville e delle Basiliche

Tra le cose da vedere a Milano gratis ce ne è una tra le più belle. Vivo a Milano e quando li incontro sorrido, trovo il relax, passeggio e li percorro in bicicletta, sono il mio salotto dell’estate in cui posso invitare anche una ventina di persone, sono la mia TV mentre guardo chi va e chi viene…sono i parchi.
Irrinunciabili per chi abita a Milano e “case gratuite” per i viaggiatori, molti parchi di Milano dispongono di aree attrezzate per i pic nic. Comprare un panino e qualche affettato anche all’ultimo secondo in un supermercato e godere di un po’ di verde e di fresco dimenticando la paura dell’arrivo del conto dei ristoranti è una delle cose da provare nella Milano più vera. I parchi sono inoltre attrezzati di laghetti, aree cani, piste ciclabili, panchine e molto spesso sorgono intorno a meravigliose ville.

Milano dispone di ben 54 parchi e 21 giardini.

Cosa Visitare a Milano Gratis: Il Parco Sempione con aree sportive e picnic

Il Parco Sempione è il parco più grande della città e forse anche quello più conosciuto dai viaggiatori. Ci sono dei perché molto validi che giustificano questo primato di fama. Tra le cose da vedere a Milano gratis vi sono infatti le sue sculture e monumenti, i suoi sentieri dove praticare jogging, le sue aree sportive, per poi godere gratuitamente degli spazi dedicati al ristoro.
via Pagano- 20100 Milano
Ingressi: via Pagano, Piazza Castello, viale Elvezia, viale Milton, viale Gladio, viale Alemagna, viale Legnano
ORARI:
Gennaio e febbraio 06:30-20:30
Marzo e aprile 06:30-21:30
Maggio 06:30-22:00
Da giugno a settembre 06:30-23:30
Ottobre 06:30-21:00
Novembre e dicembre 06:30-20:00
Ingresso Gratuito

Cosa Visitare Gratis a Milano: Parco Venezia ombra e passeggiate

Il parco è amato da chi pratica jogging, da chi ama pedalare, da chi adora gli aperitivi all’aperto e dai bambini che possono usufruire di ben tre aree giochi e osservare le anatre del laghetto. E’ anche possibile imparare a conoscere le numerose specie di piante. Parco Venezia dispone di panchine all’ombra.
Se amate la tranquillità recatevi a Parco Venezia situato tra Corso Venezia e Via Palestro, accoglie itineranti dal 1700, oggi è dedicato a Indro Montanelli.
Accesso da Bastioni di Porta Venezia, via Manin, via Palestro, corso Venezia
Gennaio-febbraio 06:30-20:00
Marzo-aprile 06:30-21:00
Maggio 06:30-22:00
Giugno-settembre 06:30-23:30
Ottobre 06:30-21:00
Novembre-dicembre 06:30-20:00
Ingresso gratuito

Cosa vedere gratis a Milano con i Bambini: Il Parco di Villa Reale ideale per Bambini

Se siete in Viaggio con bambini andate al Parco di Villa Reale: potrete far divertire i vostri bimbi con altalene, dondoli e scivoli sono tutti da giocare, oppure abbinare un po’ di cultura con il percorso botanico alla scoperta di cedri, ciliegi e platani. Molte panchine all’ombra accolgono gli amanti della lettura, sentieri silenziosi permettono passeggiate da soli o in dolce compagnia. La Villa Reale domina il parco con la sua facciata ben tenuta.
Giardino di Villa Reale
Segnala ad un amico stampa Aggiungi nei favoriti
Share
Via Palestro – 20121 Milano
ORARI:
Da lunedì a domenica
Da maggio a ottobre: 09:00 – 19:00
Da novembre ad aprile: 09:00 – 16.00
Ingresso gratuito

Il Parco delle Basiliche per chi ama l’arte e sdrairsi per terra

Il Parco delle Basiliche dispone di un campo da pallavolo, 2 spazi recintati riservati ai cani, 3 aree gioco attrezzate, grandi prati verdi dove sdraiarsi, ma c’è una cosa che gli altri parchi non hanno … tanta arte da togliere il fiato. Meraviglioso e romantico il Parco delle Basiliche, ci troviamo dietro la basilica paleocristiana di San Lorenzo, da visitare!
Fu terminata prima della fine del V secolo e conserva ancora oggi il suo fascino nonostante numerosi restauri e rifacimenti nei secoli.

Via Molino delle Armi – 20123 Milano
Ingressi: via Molino delle armi, piazza Vetra, via Vetere, via Santa Croce

ORARI:
Da lunedì a domenica
Da aprile a settembre: 06:30 – 23:00
Da ottobre a marzo: 06:30 – 22:00

INFORMAZIONI BIGLIETTO:
Ingresso gratuito

2 .Non può mai mancare una passeggiata sui Navigli

Chi visita Milano non può certo rinunciare ad una passeggiata sui Navigli prestando particolare attenzione al vicolo dei Lavandai. Il vicolo dei Lavandai si trova lungo il Naviglio Grande quasi nascosto ai tanti passanti. Qui è visibile un antico e grazioso lavatoio dove molte donne fino agli anni cinquanta hanno lavato i bucati dei milanesi.Dopo questo grazioso scorcio, continuate la visita della Milano nascosta salendo la leggera salita del vicolo dei lavandai ed entrate in uno dei tanti portoni aperti ala scoperta delle vere “case ringhiera” di un tempo. Poi riversatevi nuovamente sui Navigli … siete al centro della movida milanese!

3. Scaramanzie e portafortuna sotto la Galleria Vittorio Emanuele

Siamo vicino al Duomo, a due passi dalla Galleria Vittorio Emanuele II progetto dell’architetto Giuseppe Mengoni che proprio qui perse la vita cadendo da un’impalcatura poco prima dell’inaugurazione. La Galleria Vittorio Emanuele II ha da sempre avuto il ruolo di bel salotto di Milano, luogo di passeggiata tra arte e shopping di gran stile. Mengoni che amava le strutture in ferro dall’aria elegante e leggera creò un’opera meravigliosa ancora oggi abitata da antichi negozi storici come il noto ristorante Savini, la confetteria Biffi ed il Caffè Miani Zucca in Galleria.

Non lasciate la galleria prima di schiacciare le palle del Toro. Sembra che il toro con gli attributi ben in vista posizionato nel punto più largo della Galleria fosse stato voluto dal Mengoni per prendere bonariamente in giro le signore milanesi, che all’epoca trovava po’ troppo seriose! Ed ecco che ora è doveroso compiere il rituale: raggiungete il toro ritratto a mosaico entro lo stemma di Torino (si trova poco dopo l’ingresso alla galleria dal Duomo), ponete il tallone destro sui “gioielli” del toro e girate tre volte su voi stessi. Con la fortuna in tasca continuate la visita di Milano.

4. Ingresso al Duomo di Milano conoscendo i segreti del Lago

L’entrata al Duomo, capolavoro gotico italiano, è gratuita ed è ancora più bella se accompagnata dalla conoscenza dei segreti che lo vedono protagonista. Gli amanti di miti e misteri in Italia sostengono che esisterebbe un ambiente risalente ai Celti, formato da colonne e volte con al centro un lago sotterraneo dove ancora oggi si riuniscono società segrete dedite al controllo del mondo.

“Si dice che sotto il Duomo ci sia un laghetto, il quale era adorato dai Celti; infatti, il popolo Celta credeva nella Dea Belisama, che viene ricordata dalla Madonnina sulla punta del Duomo (questa Dea aveva una duplice funzionalita`,quella lunare, che ricordava la femminilita`, la madre col bambino, e quella solare, che ricordava il territorio, un tempo ricco di boschi) la quale era considerata Dea dell’acqua, cioè Dea della vita (infatti l’acqua era sinonimo di ricchezza vitale). Questa Dea, tra l’altro, a Milano veniva raffigurata (e chiamata con un nome specifico) come una scrofa pelosa (la scrofa semi lanuta di via Mercanti). Da qui cominciò tutto, i Celti edificarono un tempio o “cromlech”, cioè grandi cerchi formati dai menhir (pietre erette verticalmente) e dai dolmen (camere megalitiche); dopo questi tempi Pagani, arrivarono altri templi costruiti dai Romani e, successivamente, diverse chiese Cristiane che, una sull’altra, diedero vita (dopo molti anni) al duomo di Milano.” [Sofia M.]

5.  Se hai meno di 18 anni puoi entrare gratis in vari musei di Milano

Milano offre ai minori di 18 anni ingresso gratuito in svariati musei come il Museo del Risorgimento ed il Museo del Castello Sforzesco. Ricordiamo inoltre l’ingresso gratuito per tutti al Museo del Novecento il Venerdì. Apertura gratis ogni venerdì dalle ore 15:30 fino alle 19:30. Apertura gratis ai minori di 25 anni tutti i giorni!
Il Museo del Novecento si trova a due passi dal Duomo e stupisce già dall’esterno per la vista della sua moderna scalinata. L’ultimo ingresso consentito avverrà un’ora prima della chiusura del Museo. Tra le quattrocento opere ospitate nel Museo del Novecento troverete il “Quarto Stato” di Giuseppe Pellizza da Volpedo, realizzato all’inizio del secolo breve. L’opera rappresentante la famosa marcia dei contadini era precedentemente ospitata al Castello Sforzesco.